• Ricchi e Poveri Sito Ufficiale
  • Ricchi e Poveri Sito Ufficiale
  • Ricchi e Poveri Sito Ufficiale
  • Ricchi e Poveri Sito Ufficiale
  • Ricchi e Poveri Sito Ufficiale
  • Ricchi e Poveri Sito Ufficiale
  • Ricchi e Poveri Sito Ufficiale
  • Ricchi e Poveri Sito Ufficiale
  • Ricchi e Poveri Sito Ufficiale
  • Ricchi e Poveri Sito Ufficiale
  • Ricchi e Poveri Sito Ufficiale
  • Ricchi e Poveri Sito Ufficiale
  • Ricchi e Poveri Sito Ufficiale
  • Ricchi e Poveri Sito Ufficiale
  • Ricchi e Poveri Sito Ufficiale
Il nostro nuovo video PDF Stampa E-mail

Vi presentiamo in esclusiva il nostro nuovo video "Perdutamente Amore"

 
Benvenuti nel sito ufficiale dei Ricchi e Poveri PDF Stampa E-mail

La storia dei Ricchi e Poveri, uno dei gruppi più versatili e brillanti presente sulla scena europea, inizia a Genova nel 1968, in piena era beat, sulla scia dei Mama's & Papa's.

Il debutto di Angela Brambati, Angelo Sotgiu, Franco Gatti e Marina Occhiena (che abbandonerà il gruppo nel 1981) avviene al Cantagiro con il brano "L'ultimo amore", cover in lingua italiana di "Everlasting love" degli americani Love Affaire.

La band viene notata da Franco Califano, che diventa il loro produttore per alcuni anni. Vendono più di venti milioni di dischi in tutto il mondo, piazzandosi in vetta alle classifiche italiane con le loro straordinarie intepretazioni.

Vengono invitati a rappresentare l'Italia all'Eurofestival e partecipano numerose volte al Festival di Sanremo, riuscendo a vincere nel 1985 con il brano "Se m'innamoro".

Per la loro grande poliedricità ed ironia, vengono chiamati a Teatro da Pippo Baudo e Walter Chiari e gli viene affidata la conduzione di alcuni format televisivi.

Alcuni brani come "La prima cosa bella" cantata in coppia a Sanremo con l'autore Nicola di Bari, "Che sarà" nella straordinaria interpretazione con José Feliciano e "Sarà perché ti amo" hanno segnato una parte della storia della musica italiana.

 

ReP Newsletter

Iscriviti Alla Newsletter

Chi è online

 7 visitatori online